Archivi tag: diritti umani

Dagli amici mi guardi Iddio che dai nemici mi guardo io

Tutte le notizie che riguardano Israele, tutte, indistintamente, sono oggetto di mistificazione, critiche, falsi report, velenose supposizioni. Non ci dovrebbe meravigliare più nulla ormai. Eppure c’è sempre qualcosa che supera anche la fantasia, una menzogna che emerge, per sfacciataggine, dal cumulo delle altre. La “questione dei Beduini” sembra guadagnarsi l’onere e l’onore di “menzogna del mese”.

Ne avevamo già parlato del Prawer-Begin Plan, una proposta di legge che mirava a riconoscere e quindi legalizzare tutti quelli insediamenti Beduini che al momento sono privi dei più elementari servizi: elettricità, acqua, strade, servizi igienici, scuole. Il Piano è stato criticato aspramente ed internazionalmente, osteggiato da tutte le Ong che si occupano di diritti umani e che ritengono ovvio che la “salvaguardia della cultura” debba passare dalla sofferenza di chi quella cultura impersona. Ricorda molto la frase “sono nomadi? facciano i nomadi!” che sentiamo dire a proposito dei Rom stanziati in Italia ed in Europa; un punto di vista che rifiuta l’evoluzione culturale di un popolo e lo chiude definitivamente nella sua gabbia etnica di appartenenza.

Il Piano Prawer-Begin è stato respinto giovedi’ dalla Knesset; esulteranno tutte quelle Ong che cosi’ tanto si sono adoperate per il suo fallimento. Se in genere lo “sguardo” dei sedentari verso le popolazioni nomadi è falsato da una retorica sempre dannosa, sia quando glorifica che quando demonizza, se c’è Israele di mezzo la questione si fa grottesca.

Ecco un esempio a caso: Al Jazeera presenta un articolo di Zohra Ahmed, un’avvocato che vive a New York e si dice “esperta di Beduini del Negev”, dal titolo: Il Piano Prawer sotterra la soluzione “a due Stati”!!!! Perché tutti questi punti esclamativi? Perché la Ahmed finge di non sapere che i Beduini del Negev sono CITTADINI ISRAELIANI  e li trasforma in “Palestinesi sotto occupazione”! Scrive la Ahmed:

“Il Piano Prawer è il tentativo di Tel Aviv (notare che per la Ahmed il governo israeliano risiede a Tel Aviv) di separare i Beduini dai Territori Occupati.”

Ecco fatto! I Beduini diventano Palestinesi, separati di forza dai loro “fratelli” nei Territori Occupati! Sarebbe da ridere se non fosse da piangere! Non solo l’intenzione del Piano Prawer, definire una volta per tutte le questioni circa il possesso delle terre e riconoscere i villaggi abusivi, è stravolta, ma addirittura è necessario che chi legge non sospetti nemmeno che si parla di cittadini effettivi di uno Stato.

Cosi’ come è necessario che le voci dei clan Beduini favorevolissimi al Piano siano tacitate e solo quelle contrarie emergano. Eppure, nonostante i fiumi di inchiostro spesi, non siamo riusciti a capire su che punti si basano queste opposizioni.

Sheikh Odeh Zanoon è il primo leader tra i Beduini del Negev a raggiungere un accordo con lo Stato di Israele per istituire un moderno insediamento Beduino per il suo clan, nei pressi di Yeruham. Le 300 famiglie del clan Zanoon, attualmente distribuite su una superficie di 20.000 dunam (4.900 acri) senza elettricità, acqua e strade, si muoveranno verso un moderno insediamento di circa 1.500 dunams (370 ettari). Il passaggio sarà pianificato con la loro piena partecipazione.

Abed Tarabin sta muovendo anche il suo clan, i Tarabin, da un accampamento illegale nei pressi di Omer in una città beduina adeguatamente pianificata, New Kfar Tarabin, con il sostegno del governo.

“Il piano del governo non è al 100 per cento perfetto, ma è un grande miglioramento rispetto alla situazione attuale dei Beduini nel Negev. Possiamo costruire case adeguate, su terreni riconosciuti, chiedere occupazione e servizi sanitari ed educativi, come qualsiasi altro cittadino. Nella nostra nuova città, abbiamo chiesto e ricevuto aiuto agricolo e industriale “, dice Tarabin. “L’opposizione al progetto viene da politici belligeranti che fanno rumore per i propri scopi. Non viene dai veri leader beduini che si occupano del loro popolo. C’è un sacco di spazio nel Negev per tutti, ed è bene che il governo stia lavorando per migliorare le cose e stia investendo denaro per noi “.

Kamel Jum’a Abu-Nadi, di Lakia, una cittadina beduina fondata nel 1982 come parte di un progetto del precedente governo per l’insediamento permanente dei Beduini (una delle cittadine più belle e organizzate N.d.R.) dice: “Il piano Begin è una proposta equa che cerca di porre fine alla diatriba sui terreni Beduini . L’ottantacinque per cento dei Beduini non ha pretese sulla terra;. solo il 15 per cento le reclama e questo sta frenando lo sviluppo dei Beduini del Negev  Abbiamo semplicemente cercato di raggiungere un compromesso sulle rivendicazioni territoriali, poiché il governo ha stanziato NIS 10 miliardi per un piano di sviluppo economico per il Negev che migliorerà la nostra situazione, attualmente molto brutta,  in materia di istruzione, occupazione, welfare, trasporti e altre infrastrutture “.

A Lakiya scuola di tessitura

Id Abu Rashed, un importante leader della tribù Rashed, della città di Abu Qrenat (una città beduina di 2.700 persone che dovrebbe crescere fino a 7.000 entro il 2020 e che si trova tra Beersheba e Dimona) dice: “Coloro che si oppongono al Begin-Prawer lo fanno per motivi politici, non per ragioni sostanziali. Se guardiamo a chi manifesta contro il Piano, si scopre che la metà dei manifestanti sono arabi-israeliani (cioè non Beduini ) del nord di Israele che vengono in autobus dal nord, in modo organizzato. Le bandiere della Palestina che sono sventolate a queste manifestazioni guidate dal Movimento Islamico arabo-israeliano  e il suo partito politico Balad, in effetti danneggiano la reputazione dei Beduini del Negev. I Beduini del Negev non hanno motivazioni nazionaliste anti-Israele , né le hanno mai avute in passato “.

Bene, ancora una volta la comunità internazionale, i media e le associazioni per ” i diritti dell’uomo”, quelle che non si curano se poi tali diritti sono o meno tutelati dalle loro manifestazioni, saranno contenti. Un po’ meno forse i Beduini, ma anche questo servirà per avvalorare il famoso detto: “Dagli amici mi guardi Iddio, che dai nemici mi guardo io”.

Se l’ha detto l’Onu deve essere vero! O no?

Come ogni estate, da almeno sei anni a questa parte, l’associazione terroristica Hamas ha aperto le porte dei suoi campi para-militari ai bambini gazawi. Non è fatto nuovo; ogni anno almeno 100.000 bambini, a partire dall’età di sei anni, passano l’estate mimando rapimenti di soldati israeliani, esibendosi in prove di “coraggio” come camminare su chiodi arrugginiti o saltare in cerchi di fuoco e imparano a maneggiare armi.

Forse quest’anno la notizia ha circolato un po’ più del solito; forse il Medio Oriente in preda alle guerre ha richiamato l’attenzione su una pratica ormai consolidata. Fatto sta che, puntuale, dopo una settimana circa è arrivata la “contro-mossa”: on line ha cominciato a girare viralmente una “notizia” infamante: un rapporto Onu accusa Israele di arrestare, torturare e perfino sodomizzare (ovviamente nella versione italiana della notizia) bambini palestinesi in carcere. Ogni giornale più o meno spazzatura che circola sulla rete ha voluto dire la sua, aggiungendo via via particolari macabri. Prendiamo un esempio a caso e cerchiamo di analizzarlo:

Fanpage, uno dei primi ad aver pubblicato la notizia, titola “Israele ha torturato, violentato e arrestato migliaia di bambini palestinesi.” Nell’articolo è citato “un rapporto Onu”, non meglio precisato, redatto non si da chi, il tutto corredato da alcune foto ritenute “drammaticamente eloquenti”. Cominciamo dall’analizzare queste che dovrebbero suscitare (insieme al titolo) il primo impatto emotivo del lettore.

Questa bambina è diventata famosa per le sue “performance” provocatorie nei confronti di soldati israeliani. Non è una palestinese qualsiasi, è “figlia d’arte”. Si chiama Ahad Tamimi, figlia di Bassem Tamimi, un “attivista” già arrestato per “incitazione di minorenni all’odio e al lancio di pietre”.

,

Per le sue sceneggiate, doviziosamente filmate dalla madre che l’accompagna sempre, ha vinto il premio “Brave girl of the year”, consegnatole niente di meno che dal quel campione della difesa dei diritti umani che risponde al nome di Erdogan. Non è mai stata arrestata ovviamente, nessuno le ha mai torto un capello.

Un’altra foto si riferisce al 2009, a seguito dell’attacco a colpi di pietre contro un insediamento ebraico a Beit Omar, nella zona di Hebron, da sempre uno dei punti “caldi” della convivenza tra arabi e ebrei.

L’altra è stata scattata durante scontri sulla Spianata delle Moschee, sempre nel 2009, in occasione della festa di Succot, durante la quale centinaia di turisti affollano il luogo. Negli scontri, scoppiati per le proteste palestinesi alla presenza di “infedeli” nei luoghi santi,  un soldato fu pugnalato e ferito in maniera grave.  Tre furono gli arrestati palestinesi.

E veniamo ora al “rapporto”. Nessun giornale ha ritenuto opportuno inserire un link al documento originale, come mai? Semplicemente perché quelle che sono state presentate come “update”, sono in realtà le conclusioni finali di un rapporto cominciato nel 2002 e chiuso nel 2012. Fa differenza? Eh si’, fa differenza, perché quel rapporto attraversa i dieci anni fra i più sanguinosi e controversi della storia di Israele, cioè tutto il periodo della Seconda Intifada, quando Israele fu insanguinata da quotidiani attentati. E’ di quegli anni anche il Rapporto Goldstone, redatto con l’aiuto di B’tselem e Hamas, raccolto da quel Richard Falk cacciato per antisemitismo prima da HRW e ora la cui rimozione dal ruolo di Special Rapporteur Onu per i Territori è chiesta a gran voce da quasi tutti i paesi per la chiarissima malafede dei suoi rapporti. Quindi, chi volesse ORA informarsi su questo rapporto che sembra redatto ieri, dovrebbe districarsi in mezzo a personaggi, bugie e rapporti farsa che hanno attraversato un decennio di lotta israeliana al terrorismo , molti (se non tutti) completamente screditati nel frattempo.

Kirsten Sandberg, norvegese, facente parte del Committee on the Rights of the Child che ha presentato il rapporto all’Onu, disse in proposito che il lavoro si basava su fatti e non su opinioni politiche. Vediamo se è vero. Chi è ai vertici del UN Committee on the Rights of the Child, organismo più volte definito “indipendente”? Aseil Al Shehail, indicata nel Registro dei diplomatici Onu come “Primo Segretario per l’Arabia Saudita all’Onu”. Cio’ significa semplicemente che la signora è pagata dall’Arabia Saudita e dallo Stato Saudita impiegata all’Onu.

E’ una violazione delle Linee Guida delle Nazioni Unite che impongono “indipendenza ed imparzialità” dei membri incaricati del monitoraggio dei diritti umani. Nelle Linee Guida dette “di Addis Abeba” infatti si legge:

“I membri del corpo non devono essere solo indipendenti e imparziali, ma devono anche essere percepiti tali da un osservatore ragionevole .” (Secton 2) “Essi non possono essere soggetti ad attività di direzione o di influenza di qualsiasi tipo, o alle pressioni del loro Stato di cittadinanza o di qualsiasi altro Stato o delle sue agenzie, e non sollecitare né accettare istruzioni da chicchessia riguardo l’esercizio delle loro funzioni. (Sezione 5) “L’indipendenza e imparzialità dei membri è compromessa dalla natura politica della loro affiliazione con il ramo esecutivo dello Stato. Di conseguenza eviteranno funzioni o attività che siano, o siano tali considerati da un osservatore ragionevole, incompatibili con gli obblighi e le responsabilità di esperti indipendenti nell’ambito delle pertinenze trattate. “(Sezione 12)

Difficile considerare indipendente una dipendente del governo Saudita, incaricata di redigere un rapporto su Israele!

Ma è almeno obiettiva la signora Al Shahil? Puo’ percepirla tale un “osservatore ragionevole”? Mica tanto! La signora Al Shahail, il 15 ottobre 2009, dichiaro’ all’Onu che:

il suo Paese considera il bambino come un pilastro della comunità e creatore del futuro, sia a livello nazionale e internazionale …. Il Dipartimento di Giustizia è pronto a lanciare una struttura giuridica che potrebbe gestire il matrimonio di minori e tutte le questioni connesse … L’Arabia Saudita ha condiviso le preoccupazioni della comunità internazionale per il bambino [e] partecipato con la Lega Araba alla stesura della Carta araba dei diritti umani … l’Arabia Saudita ha inoltre sostenuto i diritti del bambino nell’Islam … richiamando l’attenzione sulla tortura e l’uccisione di bambini palestinesi nei territori occupati, ha detto che la comunità internazionale deve intervenire e tutelare i diritti di questi bambini, secondo le convenzioni internazionali.

La violazione dei diritti umani di donne e bambine, le prime completamente assoggettate alla tutela dei loro mariti/padri, le seconde costrette a matrimoni combinati (per i quali la Al Shahil attende una legge-quadro!) sono documentate proprio dai rapporti Onu! In Arabia Saudita non esiste un’età minima per il matrimonio.

una “sposa” saudita

Ma professionalmente la Al Shahil è affidabile? Il 12 ottobre 2010, ha dichiarato all’ONU:

La questione delle donne desta profonda preoccupazione nel Regno di Arabia Saudita, nel quale lo sviluppo delle donne è parte integrante di un piano strategico generale conforme alla Sharia magnanima. Questo è particolarmente vero in merito all’istruzione, alla sanità, ai servizi sociali, alla partecipazione allo sviluppo sociale. Sono state adottate varie risoluzioni in materia di parità di genere, compresa l’uguaglianza alla carriera e alla pensione. Le donne saudite hanno inoltre partecipato in vari settori, con il pieno sostegno del governo.

Nel 2007, il suo intervento all’Onu esaltava l’Arabia Saudita in materia dei diritti delle donne:

ASEIL AL-SHEHAIL (Arabia Saudita) ha detto che le misure adottate dal suo paese per il progresso delle donne, con particolare attenzione alla condizione delle donne in base ai principi della Sharia, che stabiliscono i loro diritti e doveri. Tutte le norme, leggi e regolamenti in Arabia Saudita, Costituzione inclusa , emanate dal Santo Corano e dal Profeta Maometto … pongono grande attenzione nel garantire l’avanzamento delle donne. L’Arabia Saudita ha firmato la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne, nel 2000, il suo contenuto è in linea con la politica del Regno di preservare i diritti delle donne. L’Arabia Saudita è determinata nella difesa dei diritti umani delle donne, ha detto … il progresso dell’ Arabia Saudita , per far avanzare lo status delle sue donne prosegue in linea con i valori della sua Santa Religione.

Beh, non c’è bisogno di grandi esempi per smentire totalmente queste affermazioni. Divieto di guidare, città concepite per “sole donne”, divieto di visita medica ed operazione chirurgica senza il consenso del marito o di colui che ne fa le veci, matrimoni forzati, senza limite di età minima, sono solo alcune delle restrizioni alle quali sono sottoposte le donne saudite.

Ecco, questi sono gli “esperti” Onu, indipendenti e professionisti, chiamati a giudicare Israele ed a redigere rapporti che si avvalgono di testimonianze di Hamas, Special rapporters antisemiti, Ong bugiarde, giudici che non giudicano, relatori “indipendenti” pagati da Paesi nei quali la shari’a è giudicata “magnanima”. Circa la metà dei membri della Commissione Onu per i Diritti Umani proviene da Paesi nei quali discriminazione e violazione sono la norma: Arabia Saudita, Bahrain, Tunisia, Egitto, Malesia, Sri Lanka e Russia. Ma “se l’ha detto l’Onu” deve essere vero! O no?

Grazie a UNwatch

La verità? Che importa!

Nel marzo 2012, l’IDF rispose ai ripetuti lanci di missili Grad (100 in due giorni) da Gaza sulle città di Asqelon, Ashdod e Ber Sheeva, colpendo Zuhair Qaisi, leader del Lijān al-Muqāwama al-Shaʿbiyya, uno dei più radicali gruppi sul territorio, responsabile diretto del rapimento di Gilad Shalit, e insieme a lui altri 11 terroristi.

L’effetto dei missili Grad

In quei giorni, mentre le condanne dei media internazionali nei confronti di  Israele, naturalmente, infuriavano, il sito dell’IDF smaschero’ una delle tante false accuse: Due foto Twitter, raffiguranti i risultati di attacchi aerei israeliani a Gaza negli ultimi giorni, si dimostrarono false.

1. La prima foto che fu postata su Twitter da Khulood Badawi (@ KhuloodBadawi) prima e poi da Diana Alzeer (@ ManaraRam),  raffigurava una bambina palestinese, apparentemente uccisa da un attacco aereo israeliano. Questo tweet, rilanciato per altre 300 volte è un falso completo. La foto è stato dimostrato risalire al 2006 e non avere nulla a che fare con Gaza e con gli attacchi israeliani.

La foto twittata da Khulood Badai

Il giorno dopo il tweet della Badawi, la stessa notizia fu ripetuta dalla Alzeer

Confutata una prima volta dal blogger Avi Mayer , il falso fu definitivamente smascherato da Arieh Kovler : la foto risaliva al 2006 e riguardava un incidente occorso a una bambina caduta dall’altalena. Diana Alzeer, posta davanti all’evidenza, continuo’ a insistere, sostenendo che la foto risaliva al giorno prima a Gaza. La foto fu scattata dalla Reuters, il 9 agosto 2006, la bambina si chiamava Raja Abu Shaban ed arrivo’ all’ospedale di Shifa insieme ai corpi di uomini armati, per cui in un primo tempo i due fatti furono messi in relazione. La Reuters che tramite il reporter Mohammed Saleh aveva fatto l’accostamento errato, ritratto’ una volta appurata la verità. E si parla del 2006!

A quel punto anche la Alzeer ammise l’errore

Ma, chi è quella che per prima ha fatto circolare la falsa informazione? Khulood Badawi è un funzionario dell’OCHA, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, ed il suo incarico è coordinatrice di Informazione e Media! Una impiegata delle Nazioni Unite, che lavora per un Ente incaricato della pratica di politiche umanitarie, e che ha avuto più a cuore la manipolazione dell’ opinione pubblica che il vero desiderio di proteggere una vita umana innocente. Badawi si è preoccupata di più della bugia che della vita.  Dopo questo episodio partirono petizioni per il suo allontanamento dall’ufficio Onu. Il portavoce dell’OCHA,  Amanda Pitt, rispose che la Badawi rimaneva pienamente confermata, mentre un’inchiesta interna avrebbe accertato in merito alla necessità di azioni disciplinari. Fox News riferi’ che  diversi siti filo-palestinesi intervennero in difesa della Badawi, tra i quali “Alternative News” che invio’ una petizione per salvare il suo posto di lavoro.

Secondo il rapporto, i difensori di Badawi accusarono il governo israeliano e gli  schieramenti pro-Israele di lanciare una campagna per imbavagliare la voce di Badawi per “i diritti legittimi del popolo palestinese” e la documentazione delle “violazioni dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati.”