Piccola psico-analisi della sindrome “antisionista”

Shmuel Trigano prova ad analizzare quella che, a tutti gli effetti, possiamo ormai definire “sindrome anti-sionista”. Lo spunto parte dall’analisi di una vignetta del disegnatore Plantu, apparsa su “Le Monde”, il 3 aprile 2013.  L’analisi di Trigano:

La caricatura di Plantu mette a nudo le fondamenta della psiche collettiva.  Cio’ che immediatamente appare in questo disegno è la simmetria che il disegnatore vuole stabilire tra uno stato di cose oggettive tra i palestinesi (la separazione dei sessi nelle scuole), evento che motiva la caricatura, e uno stato di cose supposte tra gli israeliani.

esempio di vignetta falsificante la realtà, di Latuff

Due sostituzioni asimmetriche

Questa simmetria forzata (cioè la tesi che difende il disegno senza argomento), tuttavia, poggia su due sostituzioni: da un lato, il testo suggerisce che lo scopo del confronto (discriminazione di genere) è attribuita a Hamas e dall’altro lato, la scritta sullo sfondo del Palazzo ci fa capire che si tratta della Palestina. Vale la pena notare che nel disegno, l’appartenente a Hamas non è identificato graficamente come tale: solo il testo lo dice.

Questo squilibrio nella simmetria induce infatti a pensare  a una Palestina indenne da Hamas (qui “condannato”). L’implicazione è chiara: quando Israele si confronta con essa o è esposto alla sua violenza è la “Palestina” che attacca, ma quando i palestinesi attaccano, è Hamas che è colpevole. Quindi, la “Palestina” è presentata “incolpevole” della politica di Hamas (ma chi sono allora gli Hamasniks se non dei palestinesi?) come della sua propria politica. E’ una vittima, qualunque cosa faccia.

La seconda sostituzione forzata riguarda “le ragazze”. Nel caso di Hamas, Plantu distingue il genere mentre, sotto lo stivale del soldato israeliano, “le ragazze” diventano solo palestinesi (“ragazze e ragazzi?), non più poste in relazione alla loro scuola, ma al loro paese (Palestina) che un artificiale Israele (cartello messo di traverso) ricopre e occulta (“Palestina” e non “territori occupati”). Lasciando da parte che è la stessa legittimità dello Stato di Israele ad essere messa in dubbio (un cartello improvvisato  è apposto su un edificio solido chiamato Palestina), troviamo che la discriminazione di genere praticata a scuola, è paragonata a una presunta discriminazione etnica, nazionale, politica. Quest’ultima è così surrettiziamente messa in parallelo con una discriminazione nel genere umano (uomini e donne), cosa che l’aggrava ulteriormente (e induce l’idea di apartheid …). “Le ragazze” perseguitate infatti,  non sono identificate  nazionalmente.

Si noti la simmetria tra i due personaggi escludenti: stessi gesti, ma l’israeliano è un soldato e l’Hamasnik un “uomo” (religioso, innocente, non armato) in djellaba. Eppure indossa la bandiera verde dei martiri, mentre il soldato indossa una stella di David evidente (il che ovviamente non esiste tra le abitudini dei soldati israeliani). Induce quindi l’immagine di ebrei in generale e non “solo” di israeliani? La portata del disegno sarebbe ancora più grave.

Qui le famose “scarpette rosse” testimonianza della Shoah, sono paragonate a quelle di un bimbo di Gaza

Plantu avrebbe potuto opporre il fatto  che se c’è un paese nel quale la discriminazione di genere è al minimo, quello è Israele, mentre non è il caso né nei territori “governati” dall’OLP, né in quelli di Hamas. Avrebbe potuto  ricordare che i cristiani arabi soggetti all’Autorità palestinese e a Gaza stanno fuggendo in massa dai luoghi nei quali sono perseguitati, mentre la comunità cristiana è fiorente in Israele. Avrebbe potuto opporre alla persecuzione dei cristiani il fatto che gli arabi israeliani sono cittadini a pieno titolo (a parte l’esenzione dal servizio militare), che hanno diversi partiti (compresi quelli islamici) rappresentati alla Knesset , un giudice della Corte Suprema, il proprio sistema scolastico nella loro lingua, seconda lingua nazionale, presente in tutti i segnali … probabilmente è chiedere troppo?

Esempio di vignetta antisemita: il “nazista” soldato israeliano, il banchiere americano, uccidono Gaza, mentre il mondo e i paesi arabi stanno a guardare

Aggiungiamo un altro elemento appena percettibile, un “lapsus” del vignettista, direbbe uno psico-analista. Sopra la scritta “Palestina”, c’è una sorta di bassa torre, un edificio; se si tiene conto della struttura cosi’ creata: l’edificio orizzontale con la scritta “Palestina”  sul muro; la piccola torre verticale, si ottiene la sagoma di una croce. La scritta “Israele”, sul cartello, ricorda la INRI sulla croce della crocifissione.

In conclusione, la condanna apparente di Hamas ne maschera in realtà una molto più potente a Israele, suggerendo l’idea che non si tratta solo di un potere razzista e discriminatorio, che esclude solo i ragazzi e le ragazze in particolare, ma un intero popolo, immagine del genere umano. Il disegnatore cristallizza la violenza di Hamas, in qualche modo reso innocente, su Israele, mentre i palestinesi sono doppiamente innocenti: sono solo  bambini e anche l’Hamasnik è disarmato! Solo Israele – la Stella di David – è vestito da soldato.

Esempio di vignetta antisemita: gli ebrei comandano sui media

La trasformazione della realtà è tuttavia, per lo più retorica. Come prova, sempre su Le Monde, un articolo datato 22 marzo 2013, un capolavoro nel suo genere. Presentando un evento come obiettivo, la giornalista Elise Vincent o il suo editore, lo trasforma in uno d’impatto. L’evento, il fatto,  è che gli atti antisemiti sono aumentati del 58% nel 2012, mentre il titolo dell’articolo, quello che il lettore frettoloso ricorderà, annuncia: “Gli atti anti-musulmani in aumento per il terzo anno di fila.” Apprendiamo, tuttavia, nel testo, come l’aumento degli atti anti-islamici sia del 30%. Solo un piccolo sottotitolo evoca il significativo 58% ma – attenzione! – “Secondo la Commissione per i diritti umani”, cioè implicitamente “con tutte le riserve possibili”, mentre lo status anti-musulmano, quello, è realtà, senza riserve. Scopriamo, inoltre, leggendo questo articolo, l’affermazione  piuttosto sorprendente del presidente della Commissione dei diritti dell’uomo, che definisce le cause dell’ antisemitismo  “essenzialmente congiunturali” (da 12 anni!) Mentre gli atti anti-islamici sono “strutturali”. L’unico cambiamento rispetto a 10 anni fa è che mentre allora era colpa di Israele, ora è colpa della Francia, a causa di Merah, un francese …

Articolo originale QUI

Annunci

Un pensiero su “Piccola psico-analisi della sindrome “antisionista”

  1. Jerrica Gelzer

    An impressive share! I have just forwarded this onto a co-worker who had been doing a little
    homework on this. And he in fact ordered me breakfast simply because I stumbled upon it for him.

    .. lol. So let me reword this…. Thank YOU for the meal!
    ! But yeah, thanks for spending time to discuss this topic here
    on your internet site.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...