Bambini malati usati come armi

L’operazione conosciuta con il nome di “Piombo fuso“, inizio’ il 27 dicembre 2008, dopo che Israele subiva da otto anni il lancio di missili da parte di Hamas. 12000 missili lanciati sempre e soltanto su obiettivi civili. L’operazione costo’ a Israele l’accusa di “crimini di guerra“, accusa basata sul famoso rapporto del giudice Goldstone. Il giudice ritratto’ poi le sue accuse, ammettendo di averle basate sui resoconti di Hamas e della ONG “ISM“, organizzazione che recluta in tutto il mondo, soprattutto nei campus universitari americani, “scudi umani” da opporre all’esercito israeliano. L’accusa fu ritirata, ma non finirono di certo i “blood libels” contro Israele. E chi riguarda una delle più famose accuse? Una bambina, naturalmente!

Questi non sono gli effetti del fosforo bianco, come hanno voluto farci credere, ma quelli di una rara (e finora abbastanza sconosciuta) malattia della pelle. La bambina in questione è affetta da questa malattia, che sembra aggravatasi durante il conflitto. Ed è proprio una fonte palestinese a dirlo, con il contributo di Ken O’Keefe, uno dei più accaniti e senza scrupoli odiatori professionisti di Israele. Un altro blood libel smascherato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...